Nel 2020 sono state raccolte e avviate a lavorazione oltre 20.097 tonnellate di RAEE (Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche).
La Lombardia si conferma la regione in cui si raccoglie più volume di RAEE (3.781.477 Kg) con Bergamo che da sola conta 1.088.619 Kg.
Tra i più raccolti abbiamo computer, telefoni e pannelli solari. Inoltre dobbiamo contare 3.550 tonnellate di RPA (Rifiuti di Pile e Accumulatori) portatili.

Il Covid-19 non ha fermato lo smaltimento di RAEE

Possiamo suddividere questa mole di rifiuti in 5 categorie:

  • 2.200 tonnellate di frigoriferi, condizionatori e congelatori (categoria R1);
  • 1.744 tonnellate di grandi apparecchi come lavatrici e lavastoviglie (categoria R2);
  • 6.493 tonnellate di tv e monitor (categoria R3);
  • 9.640 tonnellate di computer e apparecchi informatici, telefoni, apparecchi di illuminazione, pannelli fotovoltaici (categoria R4);
  • 20 tonnellate di sorgenti luminose, come lampade e led (categoria R5).

La quota di RAEE che sono stati destinati al recupero di materia e per la produzione di energia ammonta all’87,5% del totale di quanto raccolto. Si attesta invece all’8,26% la porzione avviata a valorizzazione e al 4,25% quella indirizzata allo smaltimento.

Fonte: Ansa.it